Figlie della Sapienza

Ascoltate, venite a me: vi voglio rendere felici!

Un’opera di Dio

Abbiamo avuto la gioia di leggere in gruppo il 1° volume del libro: Un’opera di Dio che presenta la Congregazione delle Figlie della Sapienza durante il lungo e tormentato periodo della rivoluzione francese. Molti sono gli elementi che ci hanno colpito per la forza delle immagini e per il coraggio della testimonianza di queste nostre consorelle.

Vi offriamo la sintesi delle riflessioni emerse nello scambio comunitario.

Sono state sottolineate soprattutto:

  • la fede profonda che ha sostenuto le Figlie della Sapienza nell’affrontare la sofferenza, i disagi, le privazioni e la morte;
  • la dignità con cui hanno affrontato interrogatori, perquisizioni, limitazioni al loro apostolato, prigionia, solitudine …;
  • la forte unità tra Padri monfortani e Suore: questa ha sostenuto tutte nelle difficoltà e nelle insicurezze. Le lettere del Padre generale erano attese, lette, meditate e aiutavano a mantenere la fedeltà alla Regola; incoraggiavano a sostenere con fortezza l’urto del maligno. Se i Padri sapevano, anche a rischio della vita, essere accanto alle suore per il dono dei sacramenti, è anche vero che spesso le suore hanno salvato la vita ai Padri con originali trucchi;
  • la fedeltà ai vari momenti della vita comunitaria – preghiera, ricreazione, silenzio – per quanto possibile, anche in prigione. E questo aiutava pure le religiose di altre congregazioni e le prigioniere che condividevano la stessa terribile punizione;
  • la forte tensione apostolica che ha sempre guidato queste nostre consorelle: appena il controllo rivoluzionario si allentava un po’, riprendevano i loro impegni educativi a fianco dei più poveri, delle famiglie … spesso in modo clandestino. Il loro più grande dolore era quello di dover abbandonare tanti ragazzi e giovani senza istruzione, senza formazione, senza un domani …

Leggendo le numerose testimonianze di coraggio, forza e serenità, ci veniva spontaneo ringraziarle perché hanno tramandato uno spirito forte. Abbiamo colto la presenza formativa della nostra Madre Maria Luisa di Gesù. Le Superiore generali di questo periodo travagliato avevano tutte avuto la gioia di conoscere direttamente la fondatrice e di seguirne i preziosi consigli cogliendo dal suo esempio chi è veramente una Figlia della Sapienza.

La Comunità provinciale

Lascia un commento