Figlie della Sapienza

Ascoltate, venite a me: vi voglio rendere felici!

Il povero invoca e il Signore l’ascolta

Durante gli incontri mensili, la Comunità Sicar approfondendo la Regola di Vita, confrontandosi con l’Orientamento del Capitolo Generale, spronata dai continui richiami di Papa Francesco di essere presente nelle periferie esistenziali dell’uomo, ha scelto di lasciare qualche impegno pastorale per inserirsi presso la struttura dell’Help Center dove già da alcuni anni operava sr Marta che ha dovuto lasciare per motivi di salute.

La mensa della Caritas diocesana di Catania si trova all’interno dell‘Help Center di Piazza Giovanni XXIII (Stazione centrale), angolo Viale Africa.  Ogni giorno vengono preparati dai 300 ai 400 pasti, il tutto reso possibile grazie al lavoro quotidiano di numerosi volontari che con grande attenzione dedicano parte dei loro pomeriggi al servizio dei poveri. Un impegno continuo, giorni festivi compresi, animato da un profondo spirito di servizio verso coloro che vivono in condizioni di povertà estrema.

caritas catania

L’Help Center è attivo dal 2006 e si configura come un centro di accoglienza diurno e di pronto soccorso sociale per persone senza dimora e in genere per tutti coloro che vivono in condizioni di disagio e di esclusione sociale: immigrati (rifugiati, richiedenti asilo, irregolari), persone sole, con sofferenza mentale, con ex-dipendenze, in situazione di deprivazione economica e di grave emarginazione sociale, italiani e stranieri.

La maggioranza di quelli che frequentano il centro sono per lo più uomini, di nazionalità diverse: Somalia, Eritrea, Siria e anche tanti italiani. Molti dormono per strada, qualcuno in auto. Per la notte sono inseriti in una sorta di lista, ma le richieste sono troppe, i posti letto mancano. Alcuni non riescono ad adattarsi nelle strutture che dopo qualche tempo abbandonano.

 

caritas catania

Suor Ausilia, sr. Gemma e sr Angela, in alcuni giorni della settimana sono presenti nel centro: aiutano nella distribuzione della colazione o di indumenti secondo le esigenze dei poveri e le possibilità concrete del centro.

Lo scopo della presenza delle suore a è quello di essere accanto a questi nostri fratelli e ridare un po’ di dignità e di attenzione.

Svolgono questo servizio insieme a tanti volontari, a operatori che vi lavorano quotidianamente per garantire e assicurare una certa organizzazione. Bella la presenza di diversi ragazzi e ragazze che svolgono all’interno il servizio civile.

È impensabile credere di poter rispondere a tutte le richieste dei poveri, ma parlare con loro, scherzare, ascoltarli, li aiuta a scacciare la solitudine, ad avere un punto di riferimento e un po’ di amicizia.

«Il povero grida e il Signore lo ascolta», il grido del povero richiama l’attenzione del Signore si china su di lui, chiama e manda al povero l’aiuto. Ecco, noi abbiamo accolto la chiamata del Signore nel donare speranza al povero che Egli ascolta e ci invia a servire.

 

                                                                                  La Comunità Sicar

Lascia un commento