Figlie della Sapienza

Ascoltate, venite a me: vi voglio rendere felici!

Visita delle responsabili delle Entità dell’Europa alle consorelle del Belgio

Visita (5-6 dicembre ’18) delle responsabili delle Entità dell’Europa alle consorelle del Belgio che non avevano partecipato al Capitolo Generale (agosto 2018) per far a sentire tutte di non essere state dimenticate.


Dal 4 al 6 dicembre 2018, la Delegazione del Belgio ha accolto con gioia Suor Liliana, Provinciale d’Italia, Suor Maureen, Delegata di GBI e Suor Marie-Françoise, Provinciale di Francia,
in vista del progetto di riconfigurazione dell’Europa. Era presente Suor Pierrette, Consigliera generale e accompagnatrice di questo progetto.

Abbiamo apprezzato questa iniziativa, tanto più che rispondeva al desiderio delle tre Responsabili di far visita alla nostra Delegazione, non rappresentata al Capitolo. Cogliamo la presenza viva nel nostro pensiero dell’Olanda che, per diverse circostanze, non ha potuto unirsi a noi.
Scopo di questo incontro? Prima di tutto, venire in Belgio per conoscersi meglio, tessere rapporti di amicizia, di fraternità per creare, in futuro, una Provincia Europa.

Suor Marie-Françoise anima gli scambi. Il primo giorno, la riunione comincia con la presentazione di ogni persona e di una breve presentazione della propria entità. In seguito, siamo invitate a esprimere le nostre gioie, paure e sfide a riguardo della riconfigurazione, per noi ancora molto sconosciuta.

I sentimenti o impressioni variano da un paese all’altro. Nelle gioie dominano soprattutto, nonostante l’invecchiamento, la speranza per avanzare, il grande interesse per la vita della congregazione, il desiderio di approfondire la spiritualità, una volontà positiva di entrare nel percorso della riconfigurazione. Le principali paure sono l’incertezza di fronte allo sconosciuto
e al « come » della riconfigurazione.

Per quanto riguarda le sfide, constatiamo la povertà delle risorse umane, la difficoltà di trovare dei leader di comunità, la mancanza di vocazioni, la preoccupazione di rendere le comunità più fraterne e più centrate sull’essenziale.

Le Provinciali hanno espresso il desiderio di incontrare pure tutte le suore della Delegazione.
Il secondo giorno è quindi riservato alla comunità delle suore a riposo di Tournai.
Accoglienza calorosa da parte di tutte. Le Provinciali sono contente di constatare la buona qualità di vita delle Suore, il loro attaccamento fedele alla Congregazione, la loro qualità di presenza e la loro gioia, la preoccupazione di « essere in missione » con piccoli gesti fraterni presso i Residenti della casa di riposo.

Infine, la sera di questo secondo giorno è riservata alle Suore di Bruxelles per scambi seguiti da una cena fraterna. Suor Marie-Françoise propone la stessa dinamica per gli altri gruppi ma pone soprattutto questa domanda:
« Che cos’è per voi la riconfigurazione? Come la vedete? Che cosa vi aspettate? Avete paura? Vengono date alcune risposte, alcune abbastanza vaghe, altre che richiamano già una o l’altra pista. Esempio: consiglio europeo, costituzione di commissioni per tematiche quali la formazione permanente, la spiritualità, l’amministrazione. Soprattutto, non trascurare nessun mezzo di avvicinamento fra le entità: visite, ritiri comuni, e anche … « vacanze » in una o nell’altra entità, aggiunge Sr Liliana!

Non si può dire che la riconfigurazione spaventi. Per molti rimane una domanda, anche se le Suore ne comprendono la necessità e vi si preparano.

Che cosa dire di questo triduo europeo?
Innanzitutto, ringraziare calorosamente Suor Liliana, Suor Maureen, Suor Marie-Françoise e Suor Pierrette, accompagnatrice del progetto Europa, per la loro bella iniziativa … Ne seguiranno altre perché sono previsti incontri simili per gennaio 2019, in Francia; per maggio 2019, in Italia. I Consigli delle Province e delle Delegazioni vi parteciperanno al completo. Suor Marie-Suzanne responsabile della Delegazione belga sarà accompagnata da Suor Monique Goris e da Suor Annie Joly.

Fino a quel momento, le 4 entità proseguiranno la loro riflessione possibilmente con una condivisione reciproca.
Importante è restare in ascolto, preparare il proprio spirito e il proprio cuore ad accogliere l’ignoto.
Suor Marie-Suzanne Thielens
Suor Marie-Louise Pire
Suor Monique Goris
Suor Annie Joly

Lascia un commento