Figlie della Sapienza

Ascoltate, venite a me: vi voglio rendere felici!

Una settimana davvero speciale

“Una settimana ordinaria, vissuta in modo straordinario”

 una giornata speciale

Prima di Pasqua, su richiesta del gruppo giovani della parrocchia S. Apostoli-San Barnaba, abbiamo vissuto una settimana comunitaria.
Ma che cos’è? Che cosa si fa? Che cosa “resta” alla fine?
Proposta portata avanti dai seminari piemontesi e dalla pastorale giovanile, una settimana comunitaria è una normale settimana durante la quale si vive insieme la vita quotidiana e in cui si svolgono anche attività per riflettere su determinati temi.
Molti tra i giovani avevano già fatto esperienza di settimane comunitarie in Seminario, mai con il proprio gruppo e mai tutti insieme.
Avendo una casa pronta o quasi all’accoglienza (un ex monastero), abbiamo avuto la possibilità di realizzare questo progetto: mangiare, studiare, pregare ma soprattutto crescere insieme.
Scelto il tema “L’accoglienza” e lo slogan “Noi siamo gli incontri che viviamo”, la struttura della giornata era questa:
Sveglia alle ore 6;
Lodi alle ore 6,30 anche con la gente che voleva unirsi alla preghiera;
colazione e poi ognuno alle proprie attività (chi al lavoro, chi all’università, chi a studiare in una sala preparata allo scopo).
Una mattina, i giovani hanno incontrato alcuni ammalati e anziani di una struttura residenziale “Valletta” presente sul territorio, concludendo la mattinata con l’animazione della Messa, rallegrando tutti con la chitarra e la loro presenza.
Ogni giorno, nel tardo pomeriggio (18.30 – 20.00) era proposto un momento comune di riflessione poi la cena e la serata con varie proposte sempre sul tema. Non sono mancati momenti di preghiera, di adorazione e di deserto. L’ultima sera abbiamo concluso con una riflessione comune sulla settimana e con impegni personali presi.
Il tutto è stato preparato da un team “una comunità educativa” formata dal parroco don Gianmarco, da suor Antonella, da Luisa e Barbara le educatrici professionali, da Ersilia una animatrice e da Pina un adulto che si è reso disponibile.
Ciò che i giovani hanno apprezzato di più è stato l’aver condiviso non solo gli scambi, ma la vita quotidiana con il proprio gruppo e con le altre persone, adulti della comunità che si sono fatti presenti in diversi modi, anche cucinando tutte le sere.
E’ stata una settimana che li ha fatti crescere come gruppo, che ha fatto capire a ognuno i propri punti deboli e di forza. Hanno compreso la bellezza e la difficoltà del vivere insieme, il dover condividere con altre persone luoghi e momenti della loro giornata. Hanno vissuto con impegno l’accoglienza dell’altro/a.
una giornata speciale
E’ stata davvero una settimana davvero speciale! …. E adesso buon cammino!

La comunità dei santi Apostoli

Lascia un commento